Coppie d’oro: Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice

2 mesi fa
1 Dicembre 2020
di antonio gargiulo

Un incontro tanto atteso

Probabilmente Mario è lì, davanti a quel cancello, da un’ora e più. Tra le sue mani quel foglio. L’attesa si fa pesante da sopportare, quando ecco arrivare qualcuno. Sono loro. Giuliana è più bella che mai e sorride ad Aroldo, l’uomo al suo fianco. Quel sorriso fa salire il sangue in testa a Mario, che avanza di un passo. Appare alla vista della coppia. Di colpo il sorriso di Giuliana si spegne, mentre Aroldo, a proteggerla, avanza anche lui verso Mario che li fissa con lo sguardo pieno di risentimento. Uno sguardo rovente, come il foglio che gira tra le sue mani, E’ una denuncia alla polizia.  “Se rivedi mia moglie, ti mando in galera”, aggiunge, e le minacce non si fermano lì.

Una storia italiana

Una storia italiana che alla metà degli anni ’60 del secolo scorso è qualcosa di più che di ordinaria amministrazione. Una donna sposata, negli anni in cui il divorzio nel nostro paese è un lontano miraggio, viene ritenuta una proprietà del marito. La scelta di lasciarlo è inconcepibile, e lo Stato è tutto dalla parte dell’uomo.

Un ritratto di Giuliana

Così, Giuliana Lojodice, giovane e bella attrice, che in TV gli italiani hanno amato grazie alla partecipazione agli sceneggiati televisivi “Una tragedia americana”, “Peppino Girella” e “Il Conte di Montecristo”, si trova da un momento all’altro preda di una situazione che oggi sembrerebbe paradossale. Giovane dal carattere forte e indipendente, a soli 14 anni ha debuttato al cinema diretta da Valerio Zurlini e appena ventenne sposa il collega Mario Chioccio, 13 anni più di lei. Ma quel matrimonio, nonostante l’arrivo di due figli, non la soddisfa. Sente quasi subito che Mario non è l’uomo per lei.

L’incontro con Aroldo

Trova invece quel che cerca nell’elegante Aroldo Tieri. Scapolo d’oro, un eccellente attore, noto al grande pubblico grazie ai film che negli anni ’50 lo vedono accanto a Totò, ma soprattutto protagonista in teatro. Ed è sul palco che Aroldo incontra Giuliana. Lei è reduce dalla conduzione di un Festival di Sanremo dove il suo carattere ribelle le ha consentito di reagire alla misogina conduzione egemonica di Mike Bongiorno, al quale si rifiuta di fare semplicemente da valletta. La scelta di lasciare Mario, pochi anni dopo il loro matrimonio, la allontana anche dai figli. Ma le minacce dell’uomo, così come l’intimidazione della polizia, non riescono a sconfiggerla.

Una coppia d’oro nel Teatro italiano

.Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice diventarono ufficialmente una coppia d’oro del teatro italiano. Nel frattempo Mario le aveva addirittura proibito di vedere i figli (sempre con il sostegno della legge). Ma la battaglia legale non spaventa la coppia, che persevera nel vivere e lavorare insieme. Gli anni passano, la loro storia continua tra gli applausi del pubblico e gli elogi della critica. Oscar Wilde, William Shakespeare, Luigi Pirandello, Rosso di San Secondo, Eduardo De Filippo,  il loro repertorio è variegato, italiano quanto internazionale ed attraversa i secoli. Nel 1989, dopo il sospirato divorzio della donna, Aroldo e Giuliana sono finalmente marito e moglie anche per la legge. Dieci anni dopo, nel 1999, Aroldo, ultraottantenne, decide di lasciare le scene. È stanco, ed il nuovo millennio sembra non appartenergli. Giuliana, dopo una vita trascorsa al suo fianco, si trova di fronte ad un bivio, ha ancora 60 anni, non se la sente di seguire il marito nel suo ritiro, e decide di continuare il suo percorso da sola, accettando la proposta di Mauro Avogadro di interpretare “Copenaghen” di Michael Frayn, accanto a Massimo Popolizio ed Umberto Orsini.

La fine di un amore

Aroldo non accetta quello che vide come un volersi staccare da lui. Scenate di gelosia e ripicche si susseguono. Gli anni avanzano e, purtroppo, Aroldo precipita nel vortice della demenza senile. Per Giuliana è difficile gestire la situazione, e, non senza dolore, opta per un ricovero in una clinica privata di suo marito. Quando, nel 2006, sopraggiunge la morte del grande attore, Giuliana scopre che è arrivato addirittura a diseredarla.  “La nostra storia era iniziata con il sorriso” ha dichiarato l’attrice in un’intervista al Corriere della Sera, ma purtroppo quel sorriso si è trasformato è nel ghigno della malinconia e del risentimento.

     Gianmarco Cesario