Napoli – Brunori Sas, il “cammino di Santiago” porta al Duel Beat

7 anni fa
8 Aprile 2014
di admin

Brunori Sas (+La Bestia Carenne) live@Duel Beat Sala 3, Napoli, 11 Aprile 2014

Brunori Sas
Brunori Sas

Dopo un fortunato tour terminato a settembre scorso  Brunori Sas, all’anagrafe Dario Brunori classe 1977, ritorna ad esibirsi live in tutta Italia. Venerdì 11 aprile sarà a Napoli al Duel Beat di Agnano Sala Tre nell’ambito della rassegna musicale Suo.Na. Il 4 febbraio infatti  è uscito “Vol.3 – Il cammino di Santiago in taxi”, terzo atteso album del cantautore cosentino, pubblicato con l’etichetta Picicca Dischi e distribuito da Sony Music. Registrato nella chiesa di un ex convento della provincia di Cosenza, è composto da 11 brani inediti che ci raccontano, con verve ironica e  un’impronta romantica, aspetti che caratterizzano il cantautore da sempre, uno spaccato del presente, della situazione attuale italiana e delle difficoltà degli anni della crisi. Una narrazione confessionale più profonda rispetto al passato, che ricorda Lucio Battisti e Rino Gaetano che, unita ad uno stile fresco  ed articolato, arricchito d’arrangiamenti leggeri da avanspettacolo, dona vivacità alle composizioni. Brunori Sas, apprezzato dalla critica e dal pubblico, ha ricevuto il Premio Ciampi 2009 come “miglior disco d’esordio” e la Targa Tenco 2010 come “miglior esordiente”.  L’inizio discografico avviene nel 2003 col Collettivo Virtuale Minuta per cui scrive tre brani. Nel 2005 fonda la dream pop band Blume con Matteo Zanobini e Francesca Storai e con l’album “In tedesco vuol dire fiore”  nel 2006 viene premiato  in occasione del MEI (Meeting delle etichette indipendenti).

Col nome di The Minnesota’s scrive e interpreta  in collaborazione con Matteo Zanobini, la indie- hit “90210”, ispirata alla serie tv anni ’90 “Beverly Hills”, ed è autore di musiche per numerose serie di animazione televisive. Ma è nel 2009 che si dedica all’esperienza cantautoriale adottando il nome di Brunori Sas, che allude ironicamente alla sua mancata carriera di imprenditore nell’azienda di famiglia. “Vol 1”, uscito nel giugno 2009, è una raccolta di brani semplici, un pop dalle sonorità vintage che parla di storie di estati, di  spiagge e di amori nei ricordi di un 30enne di oggi. A due anni di distanza dal primo album esce “Vol.2-Poveri cristi”. Qui Brunori abbandona lo stile autobiografico per raccontarci le storie di vita altrui. Complice l’ingresso della band e la partecipazione di artisti come Dente e Dimartino, il tour,durato quasi due anni, imprime al disco una struttura più dinamica confermando il successo dell’album. Nello stesso anno nasce l’etichetta discografica  Picicca Dischi  che Brunori fonda con Simona Marrazzo e Matteo Zanobini. Oltre alla carriera di musicista, si dedica quindi anche a quella di produttore artistico producendo i lavori discografici di artisti come Maria Antonietta e Dimartino. È autore inoltre della colonna sonora del film” E’ nata una star?” di Lucio Pellegrini con Rocco Papaleo e Luciana Littizzetto. Nel 2013 il tour  teatrale “Brunori senza baffi” ripercorre  tutto il repertorio dell’artista e ripropone alcune cover. L’idea nasce per emanciparsi da uno stereotipo ed  ironizzare sulla sua somiglianza con Groucho Marx  con cui condivide oltre i baffi e gli occhiali, l’ironia e il non-sense.

Alessandra Daniele

temi di questo post