La scelta giusta

Davide Cristallo
3 mesi fa
4 Dicembre 2020
di valerio molinaro
La scelta giusta

Oggi ho avuto l’opportunità di scambiare quattro chiacchiere con Davide Cristallo, ricercatore e ideatore del canale YouTube Evoluchannel Davide Cristallo.

Come è nata l’idea di aprire il canale YouTube?
Sono da sempre appassionato a tutti gli argomenti poco comuni, dall’antropologia fino agli ufo. Mi piace cercare di comprendere dove siamo, chi siamo e il nostro vero potenziale. Anche solo per offrire una visione il più possibile distaccata e imparziale, rispetto, ad esempio, alla tematica ufo. Già troppi sono coloro che hanno altri scopi, da quello economico alla disinformazione. Inoltre offro un servizio che credo sia utile, ossia quello di tradurre molti ricercatori esteri, per rendere i loro contenuti accessibili a tutti. Il vero boom del canale è avvenuto durante il periodo di quarantena. La nicchia iniziale che mi seguiva si è a mano a mano allargata, fino a toccare i 17000 iscritti, ma io sono rimasto sempre me stesso!

L’esperienza più strana a cui hai assistito.
Ok questa è una domanda difficile! Mi è capitato diverse volte di vedere strane luci nel cielo, per rimanere in tema ufologico, ma di recente mi è accaduto qualcosa al quale ancora non so dare una spiegazione. Circa un mese fa sono stato invitato, proprio perché ricercatore, ad assistere a una giornata di conferenze nella quale si parlava di contatti con l’aldilà, con i defunti. Ho partecipato alla classica seduta insieme ad altre persone. Eravamo seduti in circolo con le mani unite tra noi. Ho esaminato con cura i gesti degli altri partecipanti, ho ispezionato il tavolino, ed ho cercato razionalmente una spiegazione. Posso solo dire che per me quell’esperienza rimane una questione aperta, tutta da indagare.

Che idea hai del fatto che si stanno moltiplicando i video di avvistamenti ufo? Tutte fake news?
Sicuramente no! Un dato banale da riportare è che le testimonianze di eventi inusuali nei cieli sono presenti nella nostra storia sin da epoche remotissime: da prima dei Sumeri. Il fatto che in tempi moderni si moltiplichino gli avvistamenti non è da imputare, eventualmente, solo a una maggiore presenza “aliena” intorno alla Terra, ma anche più semplicemente al fatto che ormai ognuno di noi gira tutti i giorni portando con sé un cellulare. Detto questo, c’è una nutrita schiera di persone che si dedica a realizzare filmati e fotografie completamente fake che non fanno altro che denigrare e ridicolizzare il fenomeno reale.

Si stanno risvegliando le coscienze su queste tematiche, o sono ancora anestetizzate?
Direi con forza che le coscienze si stanno risvegliando. Come per l’esperimento della centesima scimmia, molti parlano di un numero critico, raggiunto il quale l’intera umanità farà un salto evolutivo. Il dato che possiamo registrare, è che ai nostri tempi siamo sicuramente molti di più, a parlare di certi argomenti, e sono tanti anche gli appassionati che cercano di capire sempre meglio questi argomenti. Certo, la strada è lunga, e richiede un impegno personale e individuale. Non saprei darti una tempistica, ma sono moderatamente ottimista.

Con chi ti piacerebbe collaborare?
Mi piacerebbe moltissimo collaborare con Corrado Guzzanti e Natalino Balasso. Usare l’ironia per argomenti profondi: in passato in fondo il giullare era l’unico che diceva la verità.

Valerio Molinaro

Valerio Molinaro
Valerio Molinaro nasce nel 1984 a Roma, dove frequenta il Liceo Classico presso l'Istituto Salesiano Pio XI. Il suo amore per la sceneggiatura sboccia negli anni universitari in cui si occupa di comunicazione, produzione culturale e critica cinematografica. Dopo uno stage presso la segreteria di Domenica in, si dedica completamente alla scrittura avendo la fortuna di incontrare personalità del panorama italiano dello spettacolo. Sebbene affascinato dalla televisione, capisce che la sua vera vocazione è inventare storie, iniziando a dare origine a cortometraggi e spettacoli teatrali.Da autore e regista teatrale ha scritto e diretto: Allora si può, Sono pulp perché mi chiamo Bukowski, Gratta Gratta Bang Bang! e un musical tratto dal film d'animazione Nightmare Before Christmas. Nel mentre lavora come aiuto-regista di Gino Landi in occasione della commedia Il letto ovale con Maurizio Micheli e Barbara D'Urso. Successivamente affianca Pino Quartullo nello spettacolo Occhio a quei due con Lillo e Greg.Si dedica finalmente al suo grande sogno, la realizzazione di romanzi gialli. Nel 2016 la Newton Compton pubblica A sei miglia da L' Avana, il suo esordio letterario. L'anno successivo la medesima casa editrice manda in stampa Gli Orchi non sempre sono verdi.Attualmente è impegnato nel progetto di sviluppare format televisivi e programmi radiofonici.