Dr. Nest campione d’empatia: i Familie Flöz indagano il disagio mentale.

1 anno fa
13 Dicembre 2019
di claudio finelli

Il disagio psichico, il senso d’isolamento ed esclusione, gli universi altri che nascono ed esplodono nella mente degli esseri umani, in quella stessa mente che reiteratamente ci mente e che, nostro malgrado, ci spinge nelle tenebre e nel silenzio del dolore: è questa la dimensione di conflitti e dissidi in cui si svolge la vicenda del Dr. Nest, protagonista dell’ultimo lavoro teatrale dei Familie Flöz, compagnia di teatro internazionale residente a Berlino che, attraversando differenti discipline teatrali, quali il teatro di figura, il teatro di maschera, la danza, la clownerie, l’acrobazia, la magia e l’improvvisazione, conduce lo spettatore in insolite perlustrazioni introspettive e stupefacenti soluzioni espressive ante-liguistiche.

Presentandosi al pubblico con le consuete maschere e le consuete strategie di travestimento, gli attori di Familie Flöz mettono in scena la vita “segreta” e palpitante di un sanatorio, svelandone umanità e ferite, restituendo dignità a chi è stato “scartato” dal mondo dei sani, tessendo i fili misteriosi che, sotto traccia, congiungono quelli che stanno al di qua con quelli che stanno al di là del guado.

Così, Dr. Nest, antieroe protagonista di questo nuovo lavoro teatrale, è l’immagine fatta figura dell’imperscrutabile legame che unisce, in maniera occulta, coloro che si credono sani a quanti sono stati segnati dalla malattia; Dr. Nest, nella sua scelta radicale, cioè quella di rinunciare alla confortevole vita di un uomo di successo per immergersi nello spazio remoto del malessere e della solitudine, restituisce allo spettatore il senso profondo di un’insolita ricerca di soluzioni alternative, comunicando, tra struggimento e tenerezza, il delicato e umanissimo miracolo dell’empatia.

Teatro Bellini di Napoli, replica dell’8 dicembre 2019

temi di questo post