Fabbrica Europa: il Museo Novecento alla ricerca di “Un nuovo sistema per la danza?”

6 anni fa
6 Maggio 2015
di mariagiovanna

La contemporaneità in ballo venerdì 8 maggio per un incontro dedicato alla danza.

XXII edizione di Fabbrica Europa, una ventata di contemporaneità performativa. Ma cosa si cela dietro uno spettacolo? E chi hanno davanti i performers? Venerdì 8 maggio, dalle ore 11:00 alle 18:00, si terrà l’incontro “Un nuovo sistema per la danza?”. Il Museo Novecento (piazza Santa Maria Novella 10), in collaborazione con FEDERDANZA / AGIS e C.Re.S.Co (Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea), ospiterà coreografi, compagnie, operatori e istituzioni per rispondere a tali domande. Gli interventi saranno coordinati da Luca Dini (Presidente Fondazione Fabbrica Europa) e Raimondo Aecolai (Presidente ADEP – associazione Distribuzione e Promozione).

La giornata comincerà alle 11.00, in compagnia di Donatella Ferrante (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), Francesca Bernabini (Federdanza), Roberta Nicolai (C.Re.S.Co), Rodolfo Sacchettini (critico), Cristina Bozzolini (Arteballetto), Cristina Caprioli (coreografa), Gina Monaco (Kinkaleri) e Fabrizio Favale (Le Supplici).

Dopo il buffet, alle 14:30, si procederà con Tommaso Sacchi, Carlotta Tringali (critica), Marinella Guatterini (critica) e Serena Telesca (Crowsarts). Infine, alle 16:30, concluderanno Gilberto Santini (AMAT – Associazione Marchigiana Attività Teatrali) e Luisa Cuttini (direzione artistica C.L.A.P.) che si soffermerà sulla terza edizione della NID Platform (Nuova Piattaforma della Danza Italiana).

La discussione riguarderà la danza contemporanea. Essa è un’esplosione creativa irrazionale solo in apparenza, in realtà ha bisogno di un sistema di produzione che faccia da impalcatura e di un altro, di fruizione, a coronamento. Nella ricerca di questo nuovo linguaggio è dunque necessario un dialogo tra produttore, artista, distributore e pubblico, in modo da creare un circuito funzionante a livello nazionale e internazionale, in cui poter inserire facilmente anche le compagnie giovani.

L’iscrizione è gratuita e obbligatoria.

Per informazioni: fabbricaeuropafestival@gmail.com

Benedetta Colasanti