“Il principio del terzo escluso- Tertium non datur”: non esiste una terza via possibile.

7 anni fa
17 Marzo 2014
di admin

Luigi Scaglione denuncia con coraggio e con determinazione l’ipocrisia che si cela dietro la lotta dello Stato contro la Camorra e il traffico di droghe leggere.   

principio terzo_0Tre per antonomasia è considerato il numero perfetto, ma non nella nostra società dove non esiste una terza possibilità ma solo due alternative: Stato o camorra. “Se dai fastidio allo Stato la camorra ti aiuta, se dai fastidio alla camorra lo Stato ti protegge ma se dai fastidio a tutti e due…sei fottuto!” Questo è il pensiero di Gigi, giovane studente universitario che, a suo modo, cerca di combattere contro il sistema “Stato” e di contrastare l’ipocrisia esistente dietro il traffico di droghe leggere nel nostro paese. Lui è un ragazzo che la marijuana se la coltiva da solo, in casa, per uso personale, che rifiuta di acquistare la sua dose dal vicino, il malavitoso Toni Gargano che nel sottoscala del suo appartamento prepara le sostanze stupefacenti da immettere sul mercato. Santillo Morgia, talpa del R.O.S. , cerca di fermare questo commercio per il rispetto della legge e, ovviamente, per il plauso dell’opinione pubblica. Ma le cose non vanno come tutti ci aspetteremmo, o forse si.

Il messaggio è molto chiaro, sintetico quanto spietato: basta con l’IPOSCRISIA e la falsità con la quale lo Stato cerca di gestire e di risolvere il problema cannabis. Gigi si domanda, infatti, perché allora lo Stato non fa nulla contro le sigarette, i gas di scarico delle auto o delle industrie, contro le radiazioni del cellulare o della plastica? La risposta la trova da sè. Le sigarette, le industrie, le auto sono “monopolio dello Stato”. È tutta ipocrisia! L’unica cosa che conta è avere il consenso dell’opinione pubblica e fare BELLA FIGURA!

Giovani professionisti e studenti con diverse esperienze in ambito teatrale, televisivo e cinematografico hanno unito le loro forze per dare vita ad un prodotto filmico professionale. Presentato nel 2012 a Cannes nell’ambito dello Short Film Corner, in concorso al Napoli Film Festival e al David di Donatello, vincitore alla Corte della Formica Movie come miglior corto, “Il principio del terzo escluso” è solo uno dei  tanti progetti, già realizzati o in fase di realizzazione, del giovane film maker e produttore partenopeo Luigi Scaglione e della sua casa di produzione indipendente OLTRECIELO.

Nell’attesa di conoscere nuovi progetti e di veder realizzato il sogno di girare un lungometraggio, è possibile vedere il corto “Il principio del terzo escluso-Tertium non datur” sul canale YouTube di Oltrecielo fino al 21 marzo! Un appuntamento che vi consigliamo di non perdere.

Giusy Giglio