Il topo del sottosuolo, Oliva e Manni trovano strade per Dostoevskij

4 anni fa
31 Dicembre 2016
di claudio facchinelli

Si dice che la pagina di Dostoevskij abbia una struttura intimamente drammaturgica, ma non sempre  le trasposizioni teatrali delle sue opere rivelano una vera ragion d’essere.

Fra le poche eccezioni, I Demoni, nella monumentale edizione Peter Stein, e un indimenticabile allestimento, visto al Mittelfest nel 2010, di Delitto e castigo del Mladinsko Gledališ?e di Lubiana, firmata da Diego de Brea.Spettacolo topo del sottosuolo

Non è facile rendere sulla scena la tormentata, intensa prosa di Fëdor Michajlovi?; ed è quasi banale osservare che, se l’autore avesse ritenuto di esprimersi anche nel linguaggio del teatro, l’avrebbe affrontato lui stesso.

Premesse queste riserve di principio, con Il topo del sottosuolo, l’inveterata passione dostoevskiana di Alberto Oliva e Mino Manni – non a caso la compagnia da loro fondata si intitola “I demoni” – sortisce un felice risultato.

Rinunciando a scandagliare la contorta indole e i rovelli psicologici di Raskol’nikov, Oliva (regista) e Manni (attore) lavorano drammaturgicamente, a quattro mani, su un personaggio minore di Delitto e castigo: Svidrigajlov. Una scelta solo apparentemente riduttiva, che consente invece al regista e all’interprete di costruire un oggetto drammaturgico di intenso ed efficace impatto.

Spettacolo topo del sottosuoloSe il paesaggio socio-antropologico dell’800 russo è attraversata da un endemico oblomovismo, del quale sono imbevuti i più vividi personaggi della letteratura (dall’Onegin di  Puškin, all’eponimo antieroe di Gon?arov, fino ai personaggi che abitano il teatro di ?echov), Dostoevskij ha ritagliato, su quell’avvolgente sfondo, figure connotate da inquietanti, a volte demoniaci umori sulfurei: Svidrigajlov è uno di questi.

Manni riesce a cucirsi addosso con naturalezza il personaggio, rendendone icasticamente i molteplici aspetti della complessa, contraddittoria personalità. La regia lo inserisce in uno spazio non tradizionale, in un contatto ravvicinato col pubblico che, come lui, siede a tavolini ingombri di vino e bicchieri. Spettacolo topo del sottosuoloNel corso dello spettacolo, Mino se ne scola almeno un paio, sviscerando letteralmente il personaggio, con una violenza quasi autolesionista, senza pudori, fino a una sorta di primitiva danza infernale, mentre un video, proiettato su una parete di mattoni, restituisce i fascinosi primi piani di un’anonima figura femminile.

Certo, una via praticabile per portare in scena Dostoevskij.

Claudio Facchinelli

Il topo del sottosuolo

Da Delitto e castigo, di Fëdor Dostoevskij

Adattamento di Alberto Oliva e Mino Manni

Con Mino Manni

Regia di Alberto Oliva

Produzione Teatro Franco Parenti e Compagnia i Demoni, in residenza

Visto il 29 novembre 2016