Luca Discacciati in arte Mufasa

Luca Discacciati
4 mesi fa
27 Ottobre 2020
di valerio molinaro
Luca Discacciati in arte Mufasa

Educato, originale e decisamente fuori dagli schemi. Luca Discacciati è uno YOUTUBER, che su YOUTUBE ci è finito quasi per caso. Desideroso di conoscere e di mettersi in gioco il più possibile, Luca ha iniziato a fare video per cimentarsi in una nuova realtà e per uscire ancora una volta dalla sua confort zone!

Chi è Luca Discacciati?
Luca Discacciati è una persona curiosa. Cerco sempre di comprendere come funzionano davvero le cose che mi interessano. Sfrutto l’immensa conoscenza che internet ci mette a disposizione per capire a fondo un argomento. Sono, inoltre, una persona fortunata. Non solo nel senso stretto del termine, visto che spesso e volentieri “le cose” nella mia vita si incastrano in maniera perfetta (mi verrebbe da dire che sono nato sotto una buona stella), ma anche perché ho avuto la fortuna di capire da molto giovane cosa volessi fare nella vita. Fare quello che si ama per vivere è, a mio avviso, una delle grandi fortune della vita.

Come ci è finito un trader e analista finanziario su YOUTUBE?
Completamente a caso! Ogni anno mi pongo l’obiettivo di imparare qualcosa di nuovo. Due anni fa era stata la volta del Flamenco, la tipica danza gitano/andalusa, caratterizzata dai movimenti bruschi e canti all’apparenza stonati. L’anno scorso ho deciso che avrei dovuto imparare a fare video. Ho messo un annuncio su INSTAGRAM, chiedendo se qualcuno poteva insegnarmi a fare video; un ragazzo si è offerto ed al costo di cinquanta euro mi ha fatto un corso di quattro ore presso il mio ufficio. Da quel momento ho iniziato a riprendere quello le mie esperienze e i miei interessi, creando una sorta di diario digitale.

In un’epoca come la nostra, secondo il tuo parere, il virtuale ha soppiantato la vita reale?
Nel mio caso il digitale ha migliorato la vita reale. Avere un canale YOUTUBE mi ha permesso di conoscere un sacco di gente nuova, tra cui persone estremamente interessanti che sono diventate anche amici. Sono in tanti a pensare che il web e i social siano il male, ma io credo che abbiano migliorato la vita delle persone che sanno utilizzarli correttamente.
Un’automobile può essere un perfetto mezzo di trasporto che migliora la vita di una persona, e al tempo stesso può diventare un’arma letale se la usiamo per sfrecciare a duecento chilometro orari in centro paese. Lo stesso vale per i social.

Il momento più imbarazzante nella tua carriera sul web.
Non posso dire di avere momenti imbarazzanti. Sono fiero di ogni contenuto portato sul mio canale e sono felice quando qualcuno mi scrive, dicendomi di aver trovato l’ispirazione in un mio video. I miei contenuti sono lo specchio di ciò’ che sono io.

Un personaggio e un’azienda con cui ti piacerebbe collaborare.
Premetto che mi sento molto fortunato perché gran parte dei creator che ammiro sono oggi miei amici. Parlo, per esempio, di EMALLORU e JAKIDALE, due tra i migliori YOUTUBER italiani di sempre. Un personaggio con il quale mi piacerebbe tanto collaborare è FEDEZ. Vedendo i suoi contenuti sul web, in particolare il suo podcast “Muschio selvaggio”, ho capito che abbiamo tante cose in comune e credo che una collaborazione possa trasformarsi in un evento stimolante. Mi trovo spesso d’accordo con il suo punto di vista e credo che, come me, sia una persona che prima di parlare si informa. Mi piace molto! Per quanto riguarda le aziende, mi piacerebbe collaborare con un grande brand sportivo! Questo mi darebbe la forza di essere costante negli allenamenti, visto che sono un pigro di natura!

Il video del tuo canale a cui sei maggiormente legato.
Senza dubbi il video “Un mese da vegano”. Quel video mi caratterizza al cento per cento, perché è l’esempio perfetto di come mi approccio a qualsiasi tematica nuova. Avrei potuto fare un video superficiale, invece ho studiato molto e ho inserito la comparazione degli esami del sangue prima e dopo il mese, oltre ad aver interpellato degli esperti. Inoltre, quel video, rappresenta una svolta importante nella mia vita, ovvero l’essere diventato vegano. Una scelta che va ben oltre “la dieta” e che abbraccia ogni ambito della nostra esistenza. Avallare questo modus vivendi mi ha fatto capire a fondo quanto le nostre scelte influiscono sulla vita di altre persone che, magari, vivono a migliaia di chilometri e mi ha fatto realizzare come siamo davvero una cosa sola con il pianeta che abitiamo.

Tornando al Luca trader cosa pensi del trading online?
Il trading online è una cosa seria, che troppo spesso viene dipinta come un mezzo per raggiungere la libertà finanziaria. Non è così: fare trading è difficile e io lo sconsiglio a chi è alla ricerca di un metodo per fare denaro. Come tutti i lavori, il trading andrebbe intrapreso solo se si ha una vera e propria passione. Per me il trading è un metodo per migliorarmi tutti i giorni, in quanto quando si è davanti al pc e si cerca di capire cosa farà un determinato mercato, l’unico vero nemico contro cui dobbiamo combattere siamo noi stessi.

Un consiglio ad un ragazzo che si vuole approcciare al mondo di YouTube.
Il mio consiglio a chi vuole approdare su questa piattaforma è quello di trovare un argomento, un tema che davvero piace. Creare contenuti sul tubo è qualcosa di molto impegnativo, serve tanta energia, soprattutto nei momenti in cui i risultati non arrivano. Inoltre consiglio di evitare di investire soldi in attrezzatura: il video più visto sul mio canale, che ha superato il milione di visualizzazioni è stato girato con un vecchio SAMSUMG S7. Concentratevi sui contenuti.

Progetti futuri da realizzare entro l’anno.
Mi piacerebbe iniziare un nuovo format sul mio canale, dove intervisto persone interessanti. Ma non saranno le solite interviste, farò una domanda molto particolare, che per adesso preferisco non spoilerare!

La curiosità è, nelle menti grandi e generose, la prima e l’ultima delle passioni.
(Samuel Johnson)

Valerio Molinaro

Instagram Luca Disca

Valerio Molinaro
Valerio Molinaro nasce nel 1984 a Roma, dove frequenta il Liceo Classico presso l'Istituto Salesiano Pio XI. Il suo amore per la sceneggiatura sboccia negli anni universitari in cui si occupa di comunicazione, produzione culturale e critica cinematografica. Dopo uno stage presso la segreteria di Domenica in, si dedica completamente alla scrittura avendo la fortuna di incontrare personalità del panorama italiano dello spettacolo. Sebbene affascinato dalla televisione, capisce che la sua vera vocazione è inventare storie, iniziando a dare origine a cortometraggi e spettacoli teatrali.Da autore e regista teatrale ha scritto e diretto: Allora si può, Sono pulp perché mi chiamo Bukowski, Gratta Gratta Bang Bang! e un musical tratto dal film d'animazione Nightmare Before Christmas. Nel mentre lavora come aiuto-regista di Gino Landi in occasione della commedia Il letto ovale con Maurizio Micheli e Barbara D'Urso. Successivamente affianca Pino Quartullo nello spettacolo Occhio a quei due con Lillo e Greg.Si dedica finalmente al suo grande sogno, la realizzazione di romanzi gialli. Nel 2016 la Newton Compton pubblica A sei miglia da L' Avana, il suo esordio letterario. L'anno successivo la medesima casa editrice manda in stampa Gli Orchi non sempre sono verdi.Attualmente è impegnato nel progetto di sviluppare format televisivi e programmi radiofonici.