“Ore piccole” di Alessandro Riccio: ovvero gli effetti della sbornia di Cynar

9 mesi fa
11 Febbraio 2020
di mariagiovanna

Tutta la forza della tradizione toscana al Teatro Puccini di Firenze.

Alessandro Riccio attore
Alessandro Riccio

Il 2020 dell’attore-trasformista toscano Alessandro Riccio si preannuncia ricco di novità e successi. A cominciare dalla presentazione in prima nazionale al Teatro Puccini di Firenze della sua nuova creazione Ore piccole. Il sold out per le quattro serate in cartellone è stato pressoché immediato. Il pubblico di fedeli e appassionati non ha disertato neanche la recita del 31 dicembre e ha assistito partecipe e divertito a uno spettacolo ricco di luci, colori, musica e risate. La cosa non sorprende, tanto più quando Riccio va in scena affiancato da due attori come la magnetica Gaia Nanni, con cui ha un impeccabile feeling, e l’abile Ciro Masella, con cui riesce a formare un affiatato duo maresciallo/appuntato.

Lo spettacolo è dedicato a Cry Lipso, il giovanissimo rapper fiorentino scomparso lo scorso novembre. Con lui Vladimiro, il protagonista di Ore Piccole interpretato da Vieri Raddi, condivide la passione per la musica, l’aria ribelle e, forse, il desiderio bruciante di rivelare il proprio mondo interiore e la faticosa complessità di farlo. Perfettamente nel ruolo, Raddi dimostra ottime doti canore e attoriali e ci auguriamo di vederlo presto nuovamente in scena.

Ciro Masella

Arrestato con il sospetto di essere affiliato a una gang di spacciatori, Vladimiro racconta ai carabinieri la notte appena trascorsa e i suoi ricordi – o sarebbe meglio dire i suoi incubi, le sue ansie – prendono forma sotto i nostri occhi grazie allo straordinario metamorfismo attoriale di Riccio, che con una velocità sorprendente riesce a impersonare i più improbabili e diversificati ruoli, come l’appuntato e Luciano. Al suo fianco, oltre a Nanni e Masella, l’attrice Teresa Scaletti e la coppia di ballerini Viola Panik e Mr. Punch.

Per un’ora e mezzo si susseguono sul palcoscenico personaggi surreali, situazioni paradossali, improbabili ribaltamenti della realtà nati dall’immaginazione di un adolescente. Quello che sfila in un crescendo sotto i nostri occhi appare come un circo grottesco animato da giocolieri, soubrette, ma anche aspirazioni deluse, paure e sogni infranti che sempre meno convincono i due accusatori. Alla fine la giustizia trionfa e i sogni inquietanti, che si scoprono nascere da una sbronza di Cynar, si trasformano nei ben più rassicuranti luoghi e personaggi a cui la Toscana ci ha da tempo abituato. Un omaggio ai “Circolini” e ai loro macchiettistici frequentatori.

FIRENZE – Teatro Puccini, 30 novembre 2019

Lorena Vallieri

Ore piccole – scritto e diretto da Alessandro Riccio.

Interpreti: Alessandro Riccio, Gaia Nanni, Ciro Masella, Viola Panik, Mr. Punch, Vieri Raddi, Teresa Scaletti.

Luci: Lorenzo Girolami; costumi: Dagmar Elisabeth Mecca; sarta: Daniela Ortolani. Una produzione: Tedavì ’98 e Archètipo.