Sea Oak: per Glenn Close un ritorno in TV da zombie

3 anni fa
20 Novembre 2017
di vincenzo vasco

Inizia con una confessione l’episodio pilota di Sea Oak, la nuova serie comedy in produzione negli Studi Amazon con protagonista Glenn Close nei panni di una donna mite e generosa che torna dall’aldilà per prendersi le sue rivincite con chi si è approfittato di lei in vita.

Con la sua interpretazione Glenn Close dipinge un personaggio complesso e sfaccettato: zia Bernie, un’anziana sola con un lavoro precario, incapace di ribellarsi alle ingiustizie, sfruttata dalle nipoti che vivono a sue spese nella più totale inettitudine. A sostenerla soltanto un terzo nipote (Jack Quaid) che si guadagna da vivere mettendo in mostra il proprio corpo…

Un quadro reso ancora più complesso dal contesto in cui vive Bernie con i nipoti: siamo in un quartiere della classe operaia di una cittadina del Midwest in cui le rapine sono all’ordine del giorno. E proprio l’ennesimo furto in casa provoca a a Bernie un attacco cardiaco che le costerà la vita.

Se confermata la produzione, Sea Oak potrebbe essere un ritorno in tv molto interessante per Glenn Close, già protagonista per il piccolo schermo di Damages, la serie thriller-poliziesca che si è chiusa nel 2012.

I toni sono qui più leggeri, ma i temi accennati nel pilota restano comunque rilevanti e di forte attualità: il passaggio generazionale, le difficoltà dei più giovani nell’inserirsi nel mondo del lavoro, le fragilità economiche e sociali delle periferie e dei piccoli centri.

Interessante soprattutto il ritratto, sfaccettato e per niente piatto, che la serie tratteggia delle giovani generazioni nei personaggi dei tre nipoti di Bernie. Da un lato le due ragazze che passano le giornate oziando, senza alcuna volontà di rendersi autonome e trovarsi un lavoro. Dall’altro, il terzo nipote che, nonostante la buona volontà, fatica a inserirsi seriamente nel mondo del lavoro e deve accontentarsi di un posto di ‘modello’ per una sorta di museo delle cere viventi, in cui – scoprirà presto – i compromessi da accettare sono molto più pesanti di quanto credesse.

Tra il comico e il grottesco, una storia di riscatto degli ultimi che appassiona e diverte. Un prodotto tutto da gustare grazie anche all’interpretazione magistrale, mai eccessiva e sempre credibile di Glenn Close.

Vincenzo Vasco

Photo Credits: www.primevideo.com