Teatro Lumière: la nuova stagione 2017/2018

3 anni fa
2 Ottobre 2017
di mariagiovanna

Da metà ottobre il via alla nuova programmazione stagionale del Teatro Lumière di Firenze.

La nuova stagione del Teatro Lumière riapre i battenti il 14 ottobre con lo spettacolo “Un ispettore in casa Birling”, della compagnia ‘ArsAnte’, per la regia di Vittorio Cencioni. L’opera narra le vicende di una famiglia inglese sconvolta, durante la festa di fidanzamento della figlia, dalla notizia del suicidio di una ragazza. In questo scenario pervaso da una nube di perbenismo ed ipocrisia, quest’ultima viene spazzata via da una ideale e turbolenta folata di vento che si materializza nella venuta di un misterioso e tenebroso ispettore. Un lavoro fatto per smuovere la coscienza umana, agitarla e riscoprirvi ciò che noi cerchiamo di seppellire in essa. Il cartellone continua con “Tutta colpa degli uomini”, in scena il 27 e 28 ottobre per la regia di Alessio Coluccia. Un affresco dello stravagante mondo di due amiche, alle prese con problemi personali e familiari, il tutto concentrato nel giorno del quarantesimo compleanno di una delle protagoniste. Il 3 e il 4 novembre, invece, sarà la volta di “Il dubbio”, con la regia di Marco Lombardi. Ambientata nel Bronx, a metà degli anni ’60, questa pièce racconta la storia di Padre Flynn, un sacerdote-insegnante di una chiesa cattolica, con un metodo innovativo lontano dagli schemi tradizionali, e con una personalità che riesce ad ammaliare le folle. La stagione prosegue con lo spettacolo di Andrea Bruni, in scena l’11 e il 12 novembre con “Oblò”. Una lavanderia automatica diventa un luogo magico, il posto dove agire l’ultima trasformazione per fare il primo passo verso una nuova vita. Il 22 dicembre la compagnia ‘Pilgrims’ presenterà il concerto ”Natale con i Pilgrims”, mentre domenica 31 dicembre, la compagnia ‘ArsAnte’ sarà sul palco del Lumière fino al brindisi di mezzanotte con lo spettacolo “C’era una volta…il regno delle favole”, per la regia di Paola e Maurizio Del Buffa. Il nuovo anno vedrà la replica del medesimo lavoro per tre serate consecutive (12, 13 e 14 gennaio).

Il mese prosegue con “Non sono bella sono quasi vecchia” (20 e 21 gennaio), con la regia di Vincenzo De Caro, alle prese con tre personaggi capaci di scrutare l’animo umano. Complicato liberarsi dei traumi subiti, faticoso scacciare il dolore per fare spazio alla libertà di essere e gioire. Il 27 e il 28 gennaio toccherà alla regista Paola Tanda con “Il diario di Anna Frank”. Si prosegue dall’8 al 17 febbraio con lo spettacolo di Alessandro Riccio “Mai e poi mai!”, che lo vedrà immerso in un barocco pieno di colori e di parrucche, in una girandola comica pronta a contrapporre la leggerezza della libertà alla pesantezza del dovere. Il mese di febbraio si chiude con “Il matrimonio”, per la regia di Francesco Falsettini, commedia in tre atti guarnita da nobili decaduti, amiche logorroiche, parenti perfidi, esperti di seduzione e gli immancabili pettegolezzi. L’8 e il 9 marzo la compagnia ‘ArsAnte’ ritorna in scena con “Il clan delle vedove”, un lavoro di Maurizio Del Buffa con un cast quasi tutto al femminile per passare la Festa della Donna a teatro. Il cartellone continua il 24 e il 25 con “Ho incontrato Lui”, recital sulla passione e morte di Cristo visto attraverso gli occhi di Bartolomeo, uno degli apostoli, forse meno conosciuti tra gli altri, per la regia di Paola Tanda e Vittorio Cencioni. La stagione si chiude con l’ultimo appuntamento nel mese di aprile, “Sogno di una notte di mezza estate”, ( 20 e 21 aprile), con il gruppo dei giovani della compagnia Giosuè Borsi ArsAnte, che propone uno dei classici di Shakespeare rivisto, per renderlo più comprensibile sia a chi lo interpreta sia a chi lo ascolta.

È’ possibile consultare la stagione completa del teatro sul sito www.teatrolimiere.it

Mara Marchi